Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Marangoni, Edoardo (2008) La realtĂ  dei qualia tra mente e mondo. [Laurea specialistica biennale]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF
727Kb

Abstract

Nella filosofia della mente il termine “qualia” è usato per parlare degli aspetti qualitativi della nostra vita mentale. Facciamo esperienza di qualia quando percepiamo un colore, sentiamo un profumo, proviamo un’emozione, un sentimento o uno stato d’animo: tutti questi stati mentali sono accomunati per il fatto che “fa un certo effetto” intrattenere tali stati. Il mio scopo in questo lavoro è quello di “leggere” il dibattito sui qualia alla luce di una distinzione metodologica fra problemi ontologici e fenomenologici. Nel primo capitolo introduco il funzionalismo e il fisicalismo che sono le teorie che stanno alla base della discussione e spiego alcuni termini tecnici (riduzione, anti-riduzionismo, sopravvenienza) per impadronirsi degli “arnesi concettuali” attraverso cui i filosofi parlano di qualia. Nel secondo capitolo discuto i problemi (ontologici) che sia funzionalismo che fisicalismo incontrano quando devono spiegare gli aspetti qualitativi di molti stati mentali. Nel terzo capitolo discuto alcune recenti teorie, chiamate intenzionalismo e teorie rappresentazionali, che cercano di analizzare la fenomenologia degli stati mentali a cui sono associati qualia e di ridurre gli aspetti qualitativi alle caratteristiche intenzionali degli stati mentali stessi. Nella conclusione sostengo che la distinzione fra problematiche ontologiche e fenomenologiche è utile per fornire una descrizione articolata della complessità e della ricchezza qualitativa della nostra vita mentale. In the Philospohy of mind, the word “qualia” is used to talk about the qualitative aspects of our mental life.We experience qualia when we perceive a color, smell an odor, feel an emotion, a feeling or a mood. All these mental states are accomunated by the fact that there is something it is like to undergo them. My aim in this work is to “read” the debate about qualia in the light of a methodological disinction between ontological and phenomenological problems. In the first chapter I introduce Functionalism and Physicalism that are the theories in the background of the discussion and I explain some technical word (reduction, anti-reductionism, supervenience) in order to comprehend the “conceptual tools” that are used by the philosophers to talk about qualia. In the second chapter I discuss the (ontological) problems that both Functionalism and Physicalism face when they have to explain the qualitative aspect of many mental states. In the third chapter I talk about some recent theories, called Intentionalism and Representational Theories, that try to analyze the phenomenology of the the mental states that have qualia and try to reduce the qualitative aspects of mental states to the intentional features of them. In the conclusion I argue that the distinction between ontological and phenomenological issues is useful to achieve an articulated explanation of the complexity and qualitative richness of our mental life.

Item Type:Laurea specialistica biennale
Corsi di Laurea specialistica biennale:FacoltĂ  di Lettere e Filosofia > Filosofia
Uncontrolled Keywords:qualia, phenomenal consciousness, functionalism, physicalism, intentionalism, representational theory.
Subjects:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/03 Filosofia morale
Codice ID:14507
Relatore:Tomasi, Gabriele
Data della tesi:20 October 2008
Biblioteca:Polo di Lettere > Dip. Filosofia - Biblioteca
Tipo di fruizione per il documento:solo consultazione
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record