Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Mina, Marco (2010) POLITICHE E ISTITUZIONI DEL SETTORE FORESTALE IN CINA. [Laurea specialistica biennale]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF
8Mb

Abstract

Il governo cinese da alcuni anni manifesta una politica a favore della protezione delle foreste naturali, dei divieti di taglio e di incentivo alla realizzazione di piantagioni arboree. La Repubblica Popolare è oggi il primo importatore di legname e il primo nella realizzazione di piantagioni con scopi produttivi e protettivi. Il presente elaborato vuole descrivere le politiche e le istituzioni del settore forestale in Cina, chiarire le modalità di gestione forestale, fornire una panoramica sul mercato dei prodotti forestali e sulla situazione delle piantagioni arboree del paese, in particolare analizzando i progetti forestali per lo sviluppo di quest’ultime. La Cina di oggi ha un urgente bisogno di legname. Nonostante sia il terzo stato al mondo per estensione del territorio, si presenta come un Paese povero di risorse forestali, con valori di stock pro capite nettamente inferiori alla media mondiale. Ciò è dovuto principalmente a quattro motivi: le caratteristiche climatiche, l’antropizzazione del territorio, le passate politiche di sfruttamento delle foreste naturali, il programma per la protezione delle foreste naturali. Per ovviare a questa carenza, oltre che per la proteggere il proprio territorio dal grave rischio di desertificazione e dalle alluvioni, il governo ha messo in atto i sei “programmi chiave” del settore forestale: il programma di protezione delle foreste naturali, il programma di conversione dei terreni agricoli in foresta, la “Grande Muraglia Verde” contro la desertificazione, il programma di protezione delle zone umide, il programma di controllo della desertificazione nei dintorni di Pechino e Tianjin, il programma di sviluppo delle piantagioni a crescita rapida e ad alta produttività. _______________________________________________________________________________________________________ From some years, the Chinese government expresses a policy for the protection and the prohibition of logging in natural forests and incentives for the creation of plantations of trees. People's Republic of China is now the largest importer of timber and the first country in the establishment of productive and protective plantations. The present study wants to describe the policies and institutions of the forestry sector in China, to clarify how forests are manages, to provide an overview of the forest products market and analyze the situation of trees plantations, notably by describing the reforestation projects. China has an urgent need for lumber. Despite being the third state in the world by extension, is presented as a poor country in forest resources, with values of stocks below comparing by the world average. This is mainly due for four reasons: the climate and land characteristics, the area of human activity, past policies of exploitation of natural forests, the program for the protection of natural forests. To remedy this deficiency, as well as for protecting its territory from the serious threat of desertification and floods, the government has implemented the “Six Key Forestry Programs": the Natural Forest Protection Program, the Program on Converting Cropland into Forest, the Shelterbelt Development Program, the Sandification Control Program near Beijing and Tianjin, the Wetlands Protection Program, the program on Fast-growing and High-yield Plantation. In addition to these, agro-forestry (mixture of trees plantations and agricultural crops, well developed in rural areas of the country), the forestry projects implemented by the Clean Development Mechanism, plantations for pulpwood financed by foreign companies and bamboo plantations contribute to a rapid increase in forest area in China. However, different issues are rising around the needing of timber in China (the largest growth in imports, the expansion of Chinese companies in the South East Asia countries) and the development of plantations (the loss of biodiversity due to the use of a few species, especially poplar, the use of genetically modified plants) shows that P.R.C. in need of further changes in forest sector, according of its economic development, its increasing population and the growing environmental problems.

Item Type:Laurea specialistica biennale
Corsi di Laurea specialistica biennale:Facoltà di Agraria > Scienze forestali ed ambientali
Uncontrolled Keywords:cina, piantagioni,
Subjects:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/01 Economia ed estimo rurale
Codice ID:24216
Relatore:Pettenella, Davide Matteo
Data della tesi:2010
Biblioteca:Polo di Agripolis - Legnaro > C.I.S. di Agripolis - Biblioteca "Pietro Arduino"
Collocazione:TES-646
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record