Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Bettin , Davide (2010) Modelli numerici per la determinazione dei parametri elettrici di induttori nei piani di cottura ad induzione. [Laurea specialistica biennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4012Kb

Abstract

L’argomento che si tratterà consiste nella modellizzazione di induttori per piani cottura ad induzione magnetica, attraverso la determinazione dei parametri elettrici che li rappresentano. Per verificare l’attendibilità del metodo che si utilizzerà, saranno considerati quattro induttori, due di produzione della ditta Copreci, per pentole di diametro da 145 e 180 mm e due di produzione della ditta Midea, delle stesse dimensioni delle precedenti. Oltre a spiegare il principio di funzionamento su cui è basato il sistema induttore-pentola, verrà dato anche un breve accenno sulla tecnica che viene utilizzata per alimentare questi induttori. Per costruire il modello è necessario conoscere le grandezze geometriche degli induttori e le caratteristiche elettromagnetiche dei materiali con cui sono costruiti, inoltre bisogna conoscere attraverso dei rilievi sperimentali le grandezze elettriche ai loro capi in modo tale da avere a disposizione sia gli input da inserire nel modello, sia dei valori di riferimento da confrontare con i risultati delle simulazioni. I modelli che verranno costruiti saranno di tipo 2D e 3D, in cui saranno introdotte delle semplificazioni per ridurre il dominio di analisi e quindi i tempi di calcolo. L’analisi dei modelli sarà fatta sia a corrente che a tensione impressa. Il software che si andrà ad utilizzare è FLUX, basato sul metodo agli elementi finiti, prodotto da un azienda francese, la CEDRAT. I risultati che si otterranno dai modelli a corrente e tensione impressa 2D e 3D, oltre ad essere confrontati con i risultati sperimentali, saranno anche confrontati tra di loro. Dopo un attenta analisi dei dati che sono stati ricavati, possiamo affermare che l’obbiettivo iniziale che ci si era posti, ossia quello di andare a rappresentare in modo fedele l’induttore nel suo funzionamento, è stato raggiunto con approssimazioni adeguate, ottenendo soddisfacenti risultati

Tipologia del documento:Laurea specialistica biennale
Corsi di Laurea specialistica biennale:Facoltà di Ingegneria > Ingegneria elettrotecnica
Informazioni aggiuntive:Embargo per motivi di segretezza e di proprietà dei risultati e informazioni di enti esterni o aziende private che hanno partecipato alla realizzazione del lavoro di ricerca relativo alla tesi
Parole chiave:induzione, induttore
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/31 Elettrotecnica
Codice ID:25104
Relatore:Dughiero, Fabrizio
Data della tesi:02 Luglio 2010
Biblioteca:Polo di Ingegneria > Biblioteca Interdipartimentale di Ingegneria dell'Informazione e Ingegneria Elettrica
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record