Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Bonfante, Nicola (2010) Confronto tecnico-economico tra le tecnologie per l'accumulo elettrochimico di energia per la trazione elettrica. [Laurea specialistica biennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
11Mb

Abstract

In questo elaborato si vuole fare una panoramica sugli accumulatori di energia per trazione elettrica mettendoli tra di loro a confronto per poter capire lo stato della tecnologia raggiunto, e capire di conseguenza quali sono le soluzioni più indicate e promettenti per il prossimo futuro, andando ad evidenziare le loro potenzialità e le loro peculiarità principali. Partendo con una breve introduzione sull’auto elettrica, indispensabile per avere un’idea del contesto e per capire la cruciale importanza della batteria nel complesso del veicolo, si passa poi ad esaminare gli accumulatori sotto tre punti di vista fondamentali: - aspetti tecnici; - aspetti ambientali; - aspetti economici. Sotto ogni aspetto le batterie vengono descritte, analizzate e commentate, mentre alla fine vengono sempre tratte delle conclusioni accompagnate da considerazioni che motivino ed evidenzino i risultati ottenuti. Si tende sempre a mantenere due linee diverse (ma vicine) per distinguere i veicoli a propulsione elettrica pura (BEV) da quelli ibridi (HEV) che, come si vedrà, hanno esigenze diverse a livello di accumulatore di energia elettrica. Sia considerando singolarmente gli aspetti prima elencati, sia nelle considerazioni generali fatte alla fine (che vanno a raggruppare tutti e tre gli aspetti insieme) si arriva ed evidenziare che la tecnologia agli ioni di litio (Li – Ion) rappresenta, ad oggi, la soluzione più adatta e promettente sia per i BEV che per gli HEV; la tecnologia è comunque ancora in una grande fase di ricerca e sviluppo: sono infatti ancora da risolvere numerose questioni (tra cui la sicurezza) e si vuole comunque cercare di arrivare a prestazioni ancora più alte di quelle attualmente disponibili in modo da rendere i veicoli elettrici (soprattutto i BEV) sempre più competitivi nei confronti dei comuni veicoli con motore a combustione interna. Accanto alla tecnologi Li – Ion si evidenzia che altre valide alternative sono la tecnologia ZEBRA (batteria NaNiCl a sali fusi) nel campo dei BEV e la tecnologia NiMH (nichel metallo idruri) nel campo degli HEV. Mentre la tecnologia NiMH è già attualmente utilizzata in quasi tutti i veicoli ibridi in commercio ed è quindi una tecnologia piuttosto matura, la tecnologia ZEBRA è una tecnologia più recente che non si è ancora diffusa così largamente (causa anche la minore diffusione di veicoli elettrici puri rispetto invece a quelli ibridi che stanno pian piano emergendo sempre più in maniera consistente). Si è voluto per ciò alla fine guardare più da vicino le tecnologie Li – Ion e ZEBRA analizzandole un po’ più nel dettaglio, in quanto quella al litio, come già detto, è destinata a diventare la protagonista assoluta, ma anche la ZEBRA, grazie alle sue numerose peculiarità, potrà giocare un ruolo importante nel campo dei BEV (veicoli che molto presto sono destinati a prender piede nel mercato e nelle strade a livello mondiale)

Tipologia del documento:Laurea specialistica biennale
Corsi di Laurea specialistica biennale:Facoltà di Ingegneria > Ingegneria elettrotecnica
Parole chiave:auto elettrica, batteria per trazione, accumulatore elettrochimico di energia, batteria al litio, batteria ZEBRA (NiNaCl)
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/33 Sistemi elettrici per l'energia
Codice ID:25905
Relatore:Lorenzoni, Arturo
Data della tesi:27 Settembre 2010
Biblioteca:Polo di Ingegneria > Biblioteca Interdipartimentale di Ingegneria dell'Informazione e Ingegneria Elettrica
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record