Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Mazzi, Stefania (2012) Analisi di marcatori ossei in larve di zebrafish trattate con conduritol beta-epossido. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
906Kb

Abstract

L’obiettivo di questo lavoro è stato quello di valutare la variazione di espressione in Danio rerio di due marcatori ossei, col10a1 e cyp26b1, in seguito al trattamento con conduritol–β epossido (CBE), un inibitore irreversibile di un enzima lisosomiale: la glucocerebrosidasi. La somministrazione della sostanza è stata effettuata utilizzando due approcci differenti al fine di identificare il più efficace. In un gruppo di larve la sostanza è stata microiniettata all’interno del corion, in un altro gruppo di larve il CBE è stato disciolto nel mezzo di crescita per l’allevamento (fish water). Per monitorare la variazione di espressione dei due marcatori ossei, sono state effettuate delle ibridazioni in situ sulle larve fissate. I risultati ottenuti dimostrano che l’inibizione dell’enzima risulta più efficace se il CBE viene microniettato all’interno del corion. Inoltre, l’effetto dell’inibizione dell’enzima è stato quello di ridurre, anche se in misura limitata, l’espressione dei marcatori col10a1 e cyp26b1, particolarmente in regioni specifiche a livello cefalico.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Facoltà di Scienze MM. FF. NN. > Biologia molecolare
Parole chiave:Zebrafish, Conduritol beta-epossido, Colx, Cyp26b1
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 05 - Scienze biologiche > BIO/13 Biologia applicata
Codice ID:43231
Relatore:Argenton, Francesco
Data della tesi:2012
Biblioteca:Polo di Scienze > CIS "A. Vallisneri" - Biblioteca Biologico Medica
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione e non da noi.

Brian P Rempel and SG Withers 2008. Covalent inhibitors of glycosidases and their applications in biochemistry and biology. Glycobiology vol. 18 no. 8 pp. 570-586 Cerca con Google

Daniels LB, Glew RH, Radin NS, Vunnam RR, 1980. A revised fluorometric assay for Gaucher’s disease using conduritol-beta-epoxide with liver as the source of Beta-glucosidase. Clin Chim Acta 106, 155-63 Cerca con Google

T Farfel-Becker, EB Vitner, AH Futerman, 2011. Animal models for Gaucher disease research. Disease Models & Mechanism DMM Cerca con Google

EJ Mackie, L Tatarczuch, M Mirams, 2011. The skeleton: a multifunctional complex organ. The growth plate chondrocyte and endochondral ossification. Journal of Endocrinology 211, 109-121 Cerca con Google

N Li, K Felber, P Elks, P Croucher, Hh Roehl, 2009. Tracking Gene Expression During Zebrafish Osteoblast Differentiation. Developmental Dynamics 238:459-466 Cerca con Google

K Laue, M Jänickle, N Plaster, C Sonntag, M Hammerschmidt. Restriction of retinoic acid activity by Cyp26b1 is required for proper timing and patterning of osteogenesis during zebrafish development. Development 135, 3775-3787 Cerca con Google

E Sidransky 2004. Gaucher disease: complexity in a “simple” disorder. Mol. Genet. Metab. 83, 6-15. Cerca con Google

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record