Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Baron , Denise (2015) Valutazione e prevenzione delle lesioni da pressione e da device. Nel neonato in terapia intensiva. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1552Kb

Abstract

ABSTRACT Introduzione La lesione da pressione (LdP), è una complicanza frequente specie nei contesti di cure intensive. Nel paziente adulto risulta efficacemente gestita grazie ai numerosi studi presenti in letteratura, che indirizzano all’utilizzo della scala Braden, mentre è meno diffusa una valutazione sistematica del rischio nel neonato: emerge dunque la necessità di uno strumento specifico, valido e condiviso, ossia di una scala di valutazione adeguata. Obiettivi Questa tesi si propone, quindi, di ricercare uno strumento specifico e corrispondente alle esigenze dell’U.O. Patologia Neonatale, al fine di sviluppare una modalità sistematica nella gestione di LdP. Gli obiettivi più specifici sono principalmente i seguenti: individuare la scala di valutazione migliore secondo la letteratura e testarne l’applicabilità nel contesto. Metodo Si è condotta una revisione della letteratura, al fine di individuare i fattori di rischio predi-sponenti e una scala di valutazione specificamente rivolta al paziente neonatale in terapia intensiva. Si sono poi condivisi i risultati della ricerca col gruppo di lavoro e si è scelta la scala migliore secondo la letteratura. Infine si è avviata la sperimentazione della scala pre-scelta nella Terapia Intensiva dell’U.O., per valutarne efficacia ed applicabilità. Risultati Sono stati raccolti i dati di 32 bambini che sono stati classificati in base all’età gestazio-nale. Per ogni bambino è stata verificata la presenza o meno di ciascun fattore di rischio al-meno una volta e se necessario anche in un’ulteriore valutazione successiva, se le condi-zioni fossero variate. È stata calcolata la prevalenza di ogni fattore di rischio e sono stati individuati i principali device presenti. Dalla sperimentazione condotta si può dedurre che i fattori di rischio maggiormente presenti sono correlati all’immobilità e ai device. Conclusioni Secondo quanto riportato dall’equipe che ha preso parte alla sperimentazione, la scala Gla-morgan risulta efficace per una corretta e affidabile valutazione del rischio; è tuttavia sug-gerita la revisione degli item riferiti alla mobilità. La scala potrebbe rappresentare un va-lido strumento da applicare alla realtà dell’U.O. Patologia Neonatale tra le valutazioni di routine all’accesso in U.O. e potrebbe essere formalizzata ed inserita in un protocollo ad hoc per il neonato, in quanto apporta l’attuazione di una modalità sistematica ed efficace.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:neonato,terapia intensiva,lesioni da pressione,lesioni da device,scale di valutazione
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50833
Relatore:Avoni , Stefania
Data della tesi:03 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record