Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Bettini , Giulia (2015) I genitori e l' assistenza notturna al bambino ospedalizzato: revisione della letteratura. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
594Kb

Abstract

Introduzione. Il ricovero viene vissuto dal bambino come un momento particolarmente difficile in quanto, oltre a vedere la malattia come conseguenza dei suoi comportamenti, il ricovero viene percepito come una punizione. Al danno fisico si unisce un danno psichico determinato dall’ospedalizzazione, dalle cure, dal distacco da figure di riferimento quali la mamma ed il papà e dall’allontanamento dall’ambiente familiare. Vi è quindi la necessità di intervenire con una profilassi attiva il cui elemento determinante è la presenza della figura del genitore accanto al bambino ricoverato. Scopo della ricerca. La revisione della letteratura aveva lo scopo di identificare quali interventi vengono svolti dal genitore/caregiver nell’assistenza notturna al bambino ospedalizzato e quali difficoltà si presentano. Materiali e metodi. La ricerca di letteratura è stata condotta mediante la consultazione attraverso Internet di articoli presenti nella banca dati PubMed. La ricerca ha prodotto 29 risultati in totale e tra questi sono stati selezionati 13 articoli scientifici. Per completare la ricerca sono stati utilizzati testi di infermieristica pediatrica. Risultati. Gli articoli selezionati sono stati suddivisi in due argomenti principali: gli interventi del caregiver nell’assistenza notturna al bambino ospedalizzato e le difficoltà del caregiver riscontrate nel dare assistenza. Quest’ultimo argomento identifica 4 aree: difficoltà nel gestire la stanchezza e il sonno (7 articoli su 13), paura nel lasciare il bambino da solo (4 articoli), scarsa capacità di prendersi cura di sé (4 articoli) e difficoltà nei rapporti familiari (4 articoli). Conclusioni. La ricerca effettuata fa emergere come nel passare degli anni abbia avuto un ruolo sempre più importante la partecipazione del genitore/caregiver all’assistenza del bambino ospedalizzato. Le attività assistenziali affidate al genitore non consistono solamente nel prestare supporto psicologico al bambino, ma anche di svolgere attività semplici (fare il bagno, aiutare nei pasti, cambiare il panno) e più complesse (somministrazione dei farmaci, gestione delle medicazioni, controllo parametri vitali, registrazione assunzione e fuoriuscita di liquidi, uso di tecniche di rilassamento). Le difficoltà del caregiver nell’assistenza notturna al bambino ospedalizzato riguardano la difficoltà nel gestire la stanchezza e il sonno, paura nel lasciare il bambino da solo, 6 scarsa capacità di prendersi cura di sé e difficoltà nel mantenere i rapporti familiari. Per garantire al bambino ospedalizzato la migliore assistenza notturna possibile, è fondamentale il contributo e il coinvolgimento dell’intero sistema familiare, prestando però attenzione alle eventuali difficoltà che il genitore/caregiver può presentare. L’'infermiere dovrebbe perciò possedere un bagaglio di capacità per potenziare quelle della famiglia nel fornire l'assistenza e metterla in grado di interfacciarsi con i diversi ambienti terapeutici.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50848
Relatore:Celon , Nicola
Data della tesi:11 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record