Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Carraro, Francesca (2015) Gli strumenti di valutazione del dolore per il paziente critico non comunicante in terapia intensiva. Revisione di letteratura. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
649Kb

Abstract

Problema: Il dolore è un’esperienza soggettiva che viene sperimentata dall’organismo quando si trova ad affrontare una lesione o un trauma. Il dolore mal valutato e non trattato pone le persone a rischio di complicanze multisistemiche e psicosociali, inoltre può svilupparsi un dolore persistente che non risponde ai trattamenti. La migliore valutazione del dolore è l’autovalutazione da parte dell’assistito. Il problema si evidenzia quando il paziente non è in grado di comunicare il proprio dolore, non permettendo una corretta valutazione, e conseguente gestione del dolore. Ciò avviene soprattutto nelle unità operative di terapia intensiva, dove i pazienti vengono sottoposti a trattamenti come intubazione orotracheale o sedazione, che non permettono loro di comunicare con il professionista che li assiste. Sono stati ideati diversi strumenti per valutare il dolore nel paziente non in grado di comunicare, che possono identificare i casi in cui l’assistito provi dolore, attraverso le risposte comportamentali che mette in atto. Incidenza: Le evidenze scientifiche dimostrano che nel 33% dei pazienti a riposo, ricoverati in terapia intensiva, è presente dolore, che diventa presente in più del 50% dei pazienti durante le procedure come riposizionamento, aspirazione endotracheale o mobilizzazione passiva. Scopo della tesi: Questa revisione di letteratura si propone di confrontare tre strumenti di valutazione del dolore per il paziente non comunicante, attraverso l’analisi di alcuni articoli presenti in letteratura, cercando di identificarne il migliore da poter utilizzare nel contesto clinico. Sono state analizzate la Non-Verbal Pain Scale (NVPS), la Behavioral Pain Scale (BPS) e la Critical-Care Pain Observation Tool (CPOT), tre scale di valutazione comportamentali ideate per il paziente non comunicante. Materiali e metodi: Gli articoli sono stati ricercati nei database Medline e Wiley Online Library, ed estratti dalle referenze di altri articoli. In totale sono stati scelti 12 articoli. Risultati principali: Dal confronto tra gli articoli è emerso che CPOT è risultata il migliore strumento per la valutazione del dolore nel paziente non comunicante nel contesto clinico di terapia intensiva. Sono necessari ulteriori approfondimenti rispetto a pazienti che non sono in grado di mostrare risposte comportamentali o che abbiano lesioni cerebrali. Inoltre si suggerisce di progettare un percorso formativo per tutti i professionisti che operano in terapia intensiva per educare all’utilizzo delle scale di 2 valutazione, per permettere un migliore lavoro di équipe volto ad una migliore gestione del dolore.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50874
Relatore: Favaretto, Andrea
Data della tesi:23 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record