Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Catana, Alina (2015) Il paziente diabetico: progetto educativo di gruppo e autocura. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1755Kb

Abstract

Background Il diabete è una malattia cronica e come tale richiede una gestione responsabile e continuativa da parte di chi ne è affetto. Spesso le persone con diabete dimenticano di convivere con una malattia silenziosa che, oltre alle complicanze acute, manifesta anche le complicanze a lungo termine. Si rende pertanto necessario un intervento strutturato che aumenti la motivazione e l’aderenza dei pazienti al piano terapeutico, quindi di portare ad un buon controllo metabolico, ad un’acquisizione di conoscenze che permetta loro una gestione adeguata della malattia ed una conseguente migliore qualità di vita. Obiettivo L’obiettivo di questa tesi è di ricercare tra le evidenze scientifiche più importanti i risultati dell’educazione terapeutica di gruppo, confrontandola con la tradizionale educazione individuale, prendendo in considerazione aspetti come: controllo metabolico, conoscenze acquisite, autogestione, autoefficacia, qualità di vita e soddisfazione dei soggetti. Strategia di ricerca La ricerca si è svolta consultando le banche dati internazionali come “Cinahl”, “Pubmed”, cercando articoli attraverso termini liberi e termini Mesh. Sono stati reperiti 26 articoli e sono stati presi in considerazione 10 studi, per un totale di 82.176 soggetti. Risultati Gli articoli riportano che l’educazione a piccoli gruppi migliora il controllo metabolico, aumenta le conoscenze della propria malattia, le capacità di autogestione e la qualità di vita. Inoltre la possibilità di condividere preoccupazioni comuni tra i vari componenti del gruppo favorisce la motivazione dei pazienti e un importante supporto psicologico. Conclusioni In base ai risultati sopraelencati l’educazione in gruppo si è dimostrata essere più efficace rispetto all’educazione individuale, portando a buoni esiti complessivi. Di conseguenza, non si dovrebbe trascurare l’investimento in tale metodologia, attraverso la quale il paziente diventa attore principale del suo percorso, si sente motivato e supportato dai componenti del gruppo, nonché soddisfatto rispetto a tale terapia.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:diabete tipo 2, autogestione, educazione del paziente, educazione di gruppo.
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50876
Relatore:Munaretto , Gabriella
Data della tesi:18 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record