Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Cecinati , Laura (2015) Efficacia dell'alimentazione in corso di dialisi extracorporea. Competenze educative per l'infermiere. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
771Kb

Abstract

Problema. L’alimentazione intradialitica è un argomento soggetto ancora oggi a dibattiti. Generalmente, ai pazienti che si sottopongono a emodialisi non è consentito nutrirsi durante il trattamento stesso, principalmente per le seguenti motivazioni: ipotensione post- prandiale, esacerbazione di sintomi gastrointestinali, rischio di aspirazione, controllo delle infezioni e motivi igienici, aumento del carico lavorativo del personale sanitario ed una sua possibile distrazione, maggiore difficoltà nel controllo del diabete e del fosforo, ulteriore dispendio economico. L’obiettivo di questo elaborato sarà quello di capire se l’alimentazione intradialitica possa aumentare la qualità di vita e lo stato nutrizionale del paziente dializzato (entrambi questi aspetti risultano infatti diminuiti) e si cercherà di indagare sui possibili vantaggi a cui questa pratica potrebbe portare. Materiali e metodi. Per reperire il materiale necessario è stato utilizzato Pubmed come principale fonte dei dati, nel quale per la ricerca sono state impiegate solo parole libere. Si è fatto uso anche delle funzioni Pubmed Advanced Search Builder, Similar Articles e per ogni articolo reperito è stata consultata la bibliografia. Nella ricerca è stato impostato come filtro “Publication dates 10 years”. Sono state consultate anche le linee guida NFK DOQI. Risultati della ricerca. Oltre agli svantaggi elencati dai professionisti sanitari, dalla ricerca sono emersi importanti vantaggi dell’alimentazione intradialitica: riduce la mortalità e morbidità, migliora lo stato nutrizionale, favorisce l’omeostasi proteica, aumenta l’adesione del paziente e la sua soddisfazione, costituisce un’opportunità per educare il paziente, migliora il controllo della glicemia, aumenta la qualità di vita del paziente, riduce la percentuale di ospedalizzazione e quindi potrebbe essere un modo per ridurre i costi che incidono sulla sanità. Discussione ed implicazioni per l’infermieristica. La nutrizione intradialitica presenta punti di debolezza ma anche validi punti di forza, tra cui quello di migliorare la qualità di vita del paziente. Se ci si chiede a quale tipologia di pazienti fornire alimenti in corso di trattamento emodialitico, un esempio potrebbe essere rappresentato dai pazienti diabetici o che sono stabili da un punto di vista emodinamico (cioè che non hanno presentato episodi ipotensivi o che non sono affetti da patologie cardiovascolari). Pur essendo ben tollerata in questa popolazione, rimane ancora da chiarire se i benefici della nutrizione intradialitica a breve termine possano effettivamente tradursi in vantaggi a lungo termine.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:Efficacia alimentazione intradialitica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50883
Relatore:Geatti , Sandro
Data della tesi:14 Dicembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record