Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Cuppuleri, Mario (2015) Caregiver: valutazione del dolore nel paziente oncologico. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
732Kb

Abstract

Questa revisione della letteratura è stata condotta per evidenziare le condizioni generali delle conoscenze del caregiver e se esso, adeguatamente formato, riesce, tramite strumenti di accertamento, a valutare criticamente il dolore oncologico e a trattarlo di conseguenza. Nonostante i progressi scientifici e farmacologici, il dolore continua ad essere un problema durante tutto il decorso della malattia; infatti si tende a sottostimarlo e sottotrattarlo. Il dolore è un' esperienza multidimensionale con effetti sensoriali, cognitivi, comportamentali; ed è inoltre un'esperienza che colpisce il fisico, la psiche, le dimensioni spirituali e sociali dei pazienti e dei caregiver. Per questo esso comporta fatigue, inappetenza, disturbi del sonno e irrequietezza. Poichè questa tipologia di pazienti sono, spesso seguiti ambulatorialmente, sono soprattutto i familiari responsabili dell'assistenza. L' esperienza di prendersi cura di un membro della famiglia colpisce profondamente il benessere del caregiver. Il caregiver, proprio a causa della sua inesperienza, spesso, non riesce a mettere in campo alcune azioni atte a salvaguardare l'incolumità dell'assistito. Inoltre, l'enorme carico emotivo da lui impiegato può portare ad un peggioramento delle sue condizioni di salute e, di conseguenza, di quelle della persona assistita. In letteratura sono stati riscontrati dei risultati di gestione assistenziale positivi su caregiver addestrati singolarmente per far fronte alle necessità dell'ammalato. Si è visto che una persona più preparata, sia dal punto di vista teorico (eziologia del dolore e delle sue complicanze), sia dal punto di vista pratico (utilizzare scale di valutazione del dolore e somministrazione della terapia), fa meno difficoltà nella gestione assistenziale dell'assistito e riesce a fronteggiare meglio lo stress e il cambiamento dello stile di vita imposto dalla malattia. Così facendo si sente più sicura del proprio operato, evitando il sovraccarico emozionale. Le strategie di gestione del dolore che possono essere attuate devono mirare alla creazione di un' "allenza" terapeutica tra paziente - caregiver, in modo che quest'ultimo riesca a comprendere anche il minimo incremento del dolore e a trattarlo di conseguenza. A fronte di questa situazione si deve decidere, tuttavia, qual è il metodo più efficace per effettuare un'alfabetizzazione sanitaria che fornisca un'educazione mirata alla gestione familiare di questo sintomo.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50907
Relatore:Costa, Matteo
Data della tesi:12 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record