Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Franceschetti, Matteo (2015) La comunicazione nel paziente affetto da difetto interatriale e forame ovale pervio sottoposto a procedura interventistica endoluminale. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
3889Kb

Abstract

Background. La presente tesi si configura come uno studio qualitativo atto a valutare il processo informativo preoperatorio, adottato dal Servizio di Diagnostica ed Interventistica Cardiovascolare dell’ospedale ULSS 18 di Rovigo, per gli utenti candidati al trattamento per via transcutanea dei difetti cardiaci congeniti del setto interatriale, ovvero la pervietà del forame ovale (PFO) ed il Difetto Isolato del Setto Interatriale (DIA). Metodi. Lo studio ha coinvolto i pazienti sottoposti a procedura interventistica per la correzione dei difetti cardiaci congeniti tra Gennaio 2014 e Agosto 2015. Il percorso informativo è stato inizialmente mappato nelle sue componenti principali (fasi costituenti, professionisti coinvolti, informazioni trasmesse e media utilizzati) e analizzato alla luce delle evidenze presenti in letteratura. Successivamente sono stati somministrati due questionari per via telefonica. Il primo questionario con lo scopo di valutare il grado di soddisfazione percepito dall’utenza rispetto al percorso informativo preoperatorio ed in generale rispetto all’assistenza perioperatoria ricevuta. Il secondo questionario, SF-12 (Short Form 12), con lo scopo di indagare la percezione soggettiva dello stato di salute nel post-operatorio. Risultati. Dei 20 assistiti sottoposti alla procedura, hanno aderito allo studio 15 utenti. I due questionari somministrati hanno evidenziato un generale elevato grado di soddisfazione dell’utenza ed una buona qualità di vita degli assistiti nel post-operatorio. Il confronto con le evidenze disponibili in letteratura ha permesso di categorizzare l’intervento e di valutare l’adeguatezza degli strumenti coinvolti rispetto al tipo di informazioni trasmesse. Conclusioni. Gli esiti positivi riportati dall’analisi condotta hanno permesso di individuare gli elementi favorevolmente influenzanti l’atto informativo preoperatorio, ovvero la necessità di un percorso informativo strutturato, condiviso tra i diversi professionisti coinvolti, che utilizzi con competenza le peculiarità dei diversi media adottati. Nella strutturazione dell’atto informativo risulta evidente la necessità di un accertamento dei bisogni informativi dell’assistito e la valutazione degli interventi attuati, al fine di modulare i contenuti veicolati rispetto alle necessità individuali dell’utente.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:Infermieristica, comunicazione, forame ovale pervio, difetti Interatriali, difetti cardiaci congeniti, pfo, dia, emodinamica, interventistica endoluminale, informazione preoperatoria, comunicazione audiovisiva,comunicazione multimediale
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50953
Relatore:Girotto , Erica
Data della tesi:13 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record