Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Garbin, Natascia (2015) Le estubazioni non pianificate: indagine sulle percezioni e sulla conoscenza degli infermieri di terapia intensiva. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4Mb

Abstract

Background: Il fenomeno delle estubazioni non pianificate sta assumendo sempre più rilevanza in ambito critico al punto da essere stato inserito tra gli indicatori di qualità e sicurezza delle cure in terapia intensiva. Le estubazioni non pianificate sono “estubazioni non previste dallo staff medico”. Si distinguono in estubazioni accidentali, provocate dal personale sanitario durante interventi sul paziente ed autoestubazioni, provocate dal paziente stesso che rimuove il tubo deliberatamente. In seguito ad una estubazione non pianificata il paziente può andare incontro ad una serie di complicanze che riguardano la gestione delle vie aeree, problemi respiratori ed emodinamici, nonché l'aumento dei tempi di degenza e del tempo di ventilazione meccanica. Obiettivo: Rilevare la percezione e la conoscenza degli infermieri delle terapie intensive sul fenomeno delle estubazioni non pianificate. Materiali e metodi: È stato condotto uno studio di tipo descrittivo. Sono stati coinvolti tutti gli infermieri delle Terapie Intensive dell'Ulss 12 Veneziana che erano in servizio nel periodo in cui è stata effettuata l'indagine (da luglio a settembre 2015). La raccolta dati è stata effettuata attraverso un questionario autoredatto costituito da 16 domande sul tema delle estubazioni non pianificate (9 domande sulla percezione e 7 sulla conoscenza). Risultati: Gli infermieri assistono in genere a poche estubazioni non pianificate nel corso di un anno e si tratta soprattutto di autoestubazioni. Le estubazioni avvengono esclusivamente nei pazienti intubati per via orotracheale. I principali fattori di rischio legati al paziente che sono stati segnalati sono l'agitazione e lo scarso livello di sedazione, mentre i fattori di rischio organizzativi più segnalati sono stati i carichi di lavoro, il rapporto infermiere/pazienti e la mancanza di presidi per il fissaggio del tubo. La maggior parte degli infermieri non considera la contenzione un fattore di rischio, bensì un fattore protettivo, in quanto viene applicata soprattutto per prevenire le autoestubazioni e la rimozione di dispositivi invasivi. I fattori che impediscono l’applicazione di alternative alla contenzione vengono individuati nella mancanza di tempo e risorse e nella complessità clinica del paziente. Discussioni e conclusioni: L'implementazione di linee di indirizzo flessibili e interventi di sensibilizzazione e formazione sul fenomeno potrebbero risultare efficaci per mettere in atto un'adeguata sorveglianza del paziente e utilizzare metodi alternativi alla contenzione.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:unplanned extubations, self – extubations, accidental extubations
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:50970
Relatore:Bottacin, Marina
Data della tesi:18 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record