Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Gottardo, Martina (2015) La prevenzione delle malattie cardiovascolari: l'approccio della Medicina di Genere. Revisione bibliografica. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1560Kb

Abstract

Background. Nel 1991 nasce la Medicina di Genere: una dimensione che attraversa tutte le specialità e che studia l'influenza del sesso e del genere su fisiologia, fisiopatologia e patologia umana. Secondo l'ISTAT, istituto nazionale di statistica, una percentuale più elevata di donne, rispetto agli uomini, dichiara di aver problemi di salute. L’enfasi sulla salute delle donne nel rivolgersi alla prospettiva di genere non significa minimizzare l’impatto del genere sulla salute degli uomini, ma provare a superare quel principio che ha sempre posto gli uomini come la norma nel campo della formazione, della ricerca e dei servizi sanitari. E' il genere femminile quello più colpito dalle malattie cardiovascolari: nel mondo il 55% delle donne muore per infarto, ictus, embolia o trombosi, contro il 48% degli uomini, su un totale di 12 milioni di persone che ogni anno nel mondo muoiono di infarto e ictus. Scopo. Lo scopo della tesi è quello di verificare se l'adozione nella pratica infermieristica di una prospettiva di genere nella prevenzione delle patologie cardiovascolari può portare ad un miglioramento nella salute di donne e uomini, attraverso la ricerca e l'analisi di evidenze di letteratura e strategie riguardanti diagnosi, trattamento, cura, riabilitazione, educazione nell'ottica della salute di genere. Materiali e Metodi. Per raggiungere l’obiettivo è stata effettuata una revisione della letteratura utilizzando articoli contenenti studi osservazionali e sperimentali. La ricerca è stata condotta consultando le banche date on-line Pubmed, Cinahl e i motori di ricerca Google e Google Scholar. Conclusioni. Dai risultati è emersa la necessità di applicare la medicina di genere nell'approccio con la persona e l'importanza che assume la figura infermieristica in tale ambito. L'impiego di un'ottica di genere nella pratica assistenziale, nella formazione e nella ricerca, come metodo e strumento è fondamentale nel campo degli interventi di natura preventiva, relazionale e come elemento di riflessione per la professione infermieristica, al fine di migliorare la salute delle persone e portare ad una diminuzione del rischio cardiovascolare nelle donne. Nonostante questo, è risultato evidente la necessità di aumentare le conoscenze e quindi di continuare ad approfondire gli studi relativi alla medicina di genere, al fine di attivare le competenze e la professionalità degli operatori per costruire il cambiamento.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51000
Relatore: Piccolo, Paola
Data della tesi:27 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record