Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Olmino , Cristina (2015) Estubazioni non programmate in terapia intensiva: implicazioni per l'assistenza infermieristica. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
463Kb

Abstract

Background: per estubazione non programmata si intende un'estubazione che, secondo il parere del personale sanitario, avviene in un momento non opportuno e prematuro per il paziente e senza aver seguito correttamente il programma di graduale svezzamento dalla ventilazione meccanica. E' un evento avverso che può essere causato volontariamente o involontariamente dal paziente e dagli operatori sanitari. Riconoscere le condizioni che pongono il paziente a rischio è importante per salvaguardare la sua salute e non compromettere il suo programma di cura. Obiettivo: individuare i fattori di rischio, le complicanze potenziali, le strategie di prevenzione delle estubazioni non programmate in pazienti adulti e le implicazioni per l'assistenza infermieristica. Materiale e metodi: revisione della letteratura scientifica pubblicata dal 2010 al 2015, ricerca di studi osservazionali e di revisioni di letteratura, attraverso banche dati online (Pubmed, Cochrane Library, Trip Database) e attraverso il motore di ricerca Google. Risultati: un'estubazione non programmata può verificarsi se il paziente è agitato, non è adeguatamente sedato, per discomfort, o perchè compie involontariamente dei movimenti che portano all'autoestubazione. Può anche avvenire accidentalmente, durante le manovre assistenziali, da parte del personale sanitario. La contenzione può essere sia un fattore di rischio che di prevenzione. Potenzialmente può portare a traumi delle vie aeree, instabilità emodinamica, ipossia, aspirazione, infezioni nosocomiali. A causa del trauma alle vie aeree vi può essere difficoltà a reintubare il paziente che necessita di continuare la ventilazione meccanica. L'aumento della mortalità è correlato per la maggior parte dei casi alla reintubazione. Gli esiti negativi di un'estubazione non programmata portano a prolungamento dei tempi di degenza ospedaliera e ad un aumento del consumo di risorse. Conclusione: il problema delle estubazioni non programmate è influenzato da specificità organizzative e del personale sanitario, che vanno associate alle necessità del paziente, il quale deve avere adeguata analgesia e sedazione per tollerare, oltre le conseguenze della patologia per la quale è ricoverato, anche il tubo endotracheale e gli altri accessi invasivi presenti. Il paziente deve essere contenuto fisicamente in caso di fallimento della contenzione relazionale e farmacologica. L'infermiere ha un ruolo importante nella prevenzione delle estubazioni non programmate, nella valutazione clinica, rispetto al grado di sedazione, alla presenza di dolore, al mantenere la sicurezza del paziente durante le manovre assistenziali, e nel promuovere la sua formazione professionale. Molto importante, è anche la comunicazione con il paziente, intesa come informazione, educazione, incoraggiamento e rassicurazione.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:unplanned extubation , accidental extubation, self extubation, nursing, prevention
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51076
Relatore:Bernardelli, Stefano
Data della tesi:03 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record