Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Padovese, Francesca (2015) Studio retrospettivo sull'influenza del grasso viscerale nelle riacutizzazioni di malattia delle IBD (Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa) e implicazioni del Nursing. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4Mb

Abstract

Background: Le malattie infiammatorie croniche intestinali (o IBD, dall’inglese Inflammatory Bowel Disease) sono patologie croniche a carattere recidivante e remittente, caratterizzate dall’alternarsi di periodi di remissione e di malattia che compromettono la salute e la qualità di vita dell’individuo. L'insorgenza delle riacutizzazioni non è prevedibile: non sono noti tutti i fattori che possono determinarle, ma alcuni fattori comportamentali (dieta ed esercizio fisico) le influenzano. Studi epidemiologici dimostrano che negli ultimi anni sono aumentate sia l’incidenza delle IBD che la prevalenza di persone obese nei Paesi più sviluppati. Negli obesi le IBD vanno incontro a un maggior numero di recidive. L'obesità è correlata all’aumento del creeping fat, una tipologia di grasso viscerale che contribuisce attivamente alla risposta intestinale infiammatoria e al conseguente aumento delle riaccensioni di malattia. Obiettivo: Indagare se il valore del BMI, considerato correlato alla quantità di creeping fat, possa essere utilizzato come fattore predittivo di riacutizzazione. Verificare se altri fattori come la calprotectina, la PCR, l’albumina possono essere markers predittivi di riaccensione di malattia. Materiali e metodi: Studio retrospettivo basato sull'analisi di 517 cartelle cliniche di pazienti con diagnosi di IBD in cura presso l’ambulatorio di Gastroenterologia dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Per il gruppo dei pazienti in studio sono stati confrontati valori di BMI, calprotectina e PCR rilevati in due visite distinte, una in remissione e una in riaccensione clinica, per verificare se vi sia un aumento di questi valori. Il gruppo di studio è stato poi confrontato con un gruppo di controllo costituito da pazienti che nelle due visite considerate erano in remissione clinica. Risultati: Il BMI rilevato alla diagnosi tende alla significatività per i pazienti in riaccensione clinica (p-value=0,08). I pazienti con Colite Ulcerosa sono più a rischio di riaccensione rispetto a quelli con Malattia di Crohn, per cui a tipologia di malattia è significativa (p-value=0,006). E’ significativo anche il valore della calprotectina, maggiore nei pazienti in riaccensione (p<0,0001). Conclusioni: Il valore di BMI alla diagnosi è inversamente correlato a un buon decorso di malattia. I risultati dimostrano che la calprotectina può essere considerata un fattore predittivo di riaccensione di malattia. Per gli altri parametri sono necessari ulteriori studi con un campione più ampio. Per migliorare l'assistenza a questa tipologia di pazienti sarebbe auspicabile l'introduzione di una figura di infermiere case-manager che possa gestire il percorso di cura e i follow-up sviluppando le capacità di autocura. I parametri identificati come predittivi per le riaccensioni di malattia potranno aiutarlo nelle scelte assistenziali.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Parole chiave:IBD; nursing; grasso viscerale; malattia di crohn; colite ulcerosa
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51081
Relatore:Galtarossa, Silvia
Data della tesi:26 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record