Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Pugliese , Elena (2015) Gestione infermieristica in pronto soccorso delle donne vittime di violenza sessuale. Indagine condotta a Mestre e Padova. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4Mb

Abstract

Problema: Gestione infermieristica inadeguata nei reparti di pronto soccorso italiani di casi di violenza sessuale su donne. Tale supposta mancanza di professionalità del personale infermieristico può essere conseguenza di una lacunosa conoscenza di tale fenomeno, della presenza di pregiudizi, della sua alta rilevanza nascosta nella nostra società e della sua complessità sia tecnico-lavorativa che emotiva, per il personale e per la vittima stessa. Il trattamento ottimale comporta una specifica presa in carico dell’assistita da parte di più professionisti, sanitari e non, inducendoli ad uno scambio continuo di informazioni e prestazioni. L’eventuale mancanza di conoscenze da parte del personale sanitario può portare ad una scorretta assistenza e spesso, di conseguenza, ad un peggioramento della drammatica esperienza vissuta dalla vittima, alla quale è ulteriormente negato il suo valore di persona. Di qui, l’aggravamento della componente psicologica fino alla compromissione della possibilità di superare il trauma, che in tal modo, rischia fortemente di segnare a vita il suo equilibrio psicofisico. Obiettivi: L’elaborato di tesi ha la finalità di rilevare la modalità di presa in carico infermieristica della vittima di violenza sessuale nei pronto soccorso di Padova e Mestre, con lo scopo di capire se l’assistenza praticata sia sostenuta da un’adeguata professionalità e se sia necessaria una maggiore formazione del personale infermieristico. Strategie e interventi: L’indagine è stata effettuata mediante intervista verbale ai coordinatori infermieristici delle unità assistenziali prescelte. Dai dati emersi si rileva, in entrambe le realtà, un adeguata professionalità tecnicolavorativa del personale nella gestione del percorso assistenziale, ma delle carenze nella relazione con la vittima e nel rilevare l’abuso se non dichiarato dalla stessa. Tale difficoltà nel rapportarsi con la paziente può essere causa della possibile presenza di pregiudizi e della mancanza di conoscenze etiche/morali sul fenomeno. Come strategia a tale problema si consiglia una formazione aggiuntiva e continua che formi il personale a praticare un’adeguata assistenza relazionale ed emotiva, al fine di ridurre il disagio provato dalla paziente in questo momento assai drammatico, e a fornire le conoscenze sui segni/sintomi correlati al reato.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51126
Relatore:Vincenti, Ezio
Data della tesi:03 Novembre 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record