Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Turcato, Chiara (2015) Studio osservazionale sulle modificazioni degli stili di vita in pazienti sottoposti ad intervento di bypass coronarico. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF
531Kb

Abstract

Background: Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nei Paesi industrializzati. Vi sono diversi fattori di rischio che aumentano la probabilità di sviluppo di malattie cardiovascolari. Tali fattori di rischio possono essere: non modificabili come l’età, il sesso, la familiarità; o modificabili come: fumo, ipercolesterolemia, scarso controllo dei valori glicemici, ipertensione, sedentarietà, obesità. L’educazione sanitaria è una strategia educativa volta a rendere l’individuo sempre più consapevole e responsabile della propria salute. È importante capire se i pazienti, dopo l’intervento di educazione sanitaria, modificano i comportamenti nocivi adottando uno stile di vita più sano. Obiettivo della tesi: osservare e descrivere le modifiche negli stili di vita in pazienti cardiochirurgici che prima dell’intervento presentavano fattori di rischio modificabili, ed analizzare se vi è stata educazione sanitaria efficace. Materiali e metodi: sono stati inclusi pazienti di entrambi i sessi e di età ≤75 anni, sottoposti ad intervento di by-pass coronarico presso l’U.O. di Cardiochirurgia dell’Ospedale Dell’Angelo di Mestre (Ve) tra febbraio e maggio 2015. I pazienti dovevano presentare almeno un fattore di rischio modificabile. Lo stile e la qualità di vita sono stati rilevati mediante intervista telefonica strutturata con scheda raccolta dati. Risultati: in base ai criteri di selezione sono stati inclusi 35 pazienti. Il 26% dei pazienti ha modificato il proprio stile di vita raggiungendo uno standard definito sano, mentre il 74% ha migliorato le proprie abitudini di vita senza però raggiungere tale standard. Solo il 3% del campione non ha ricevuto alcun tipo di educazione sanitaria. Questi pazienti non hanno modificato il proprio stile di vita. Conclusioni: Lo studio sottolinea l’importanza dell’intervento educativo, in quanto può incidere positivamente sulla salute delle persone. L’intervento di educazione sanitaria potrebbe essere gestito in autonomia dall’infermiere, dedicando adeguato tempo alla trasmissione delle informazioni al paziente ed alla sua famiglia.

Item Type:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Uncontrolled Keywords:educazione sanitaria, malattie cardiovascolari, fattori di rischio cardiovascolare, fattori di rischio modificabili, rischio cardiovascolare
Subjects:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51238
Relatore: Sfriso, Paolo
Data della tesi:23 November 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:Yes

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record