Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Valentini, Martina (2015) La pratica della contenzione quando il bambino si oppone alle procedure infermieristiche: una revisione della letteratura. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF
713Kb

Abstract

Introduzione: I bambini ospedalizzati sono spesso sottoposti a diverse procedure cliniche, anche invasive e dolorose, e quando questo accade, il successo della procedura viene a volte raggiunto tramite il ricorso alla contenzione fisica. Gli infermieri e i professionisti sanitari sperimentano però un conflitto personale nel decidere se sottoporre un bambino alla contenzione, quando egli si oppone alla procedura clinica, anche se la procedura è ritenuta necessaria per raggiungere il benessere del bambino. La tesi analizza, attraverso una revisione di letteratura, gli aspetti etici e legali nell’utilizzo della contenzione, la frequenza e le motivazioni nel suo utilizzo durante le procedure cliniche in pediatria, le esperienze di coloro che ne sono coinvolti, l’educazione e la formazione che ricevono i professionisti sanitari, e le guide disponibili riguardanti il suo utilizzo. Metodi: La ricerca della letteratura è stata eseguita attraverso le banche dati elettroniche “Pubmed” e “Cinahl”, mediante le parole chiave “restraint”, “children”, “clinical procedures” e “nursing”, dalle quali sono stati reperiti e analizzati 24 articoli. Sono stati consultati, per la ricerca di ulteriore materiale, i rispettivi siti Internet di Ipasvi, Royal College of Nursing, EACH, ABIO e Unicef, per un totale di 34 articoli. Infine, è stato tenuto in considerazione il Codice Deontologico dell’Infermiere (2009). Risultati: I risultati confermano che il ricorso alla contenzione, da parte degli infermieri, per portare a termine una procedura clinica, è frequente in tutti i contesti sanitari pediatrici, e l’utilizzo maggiore avviene nei reparti di radiologia medica. La frequenza nell’utilizzo dipende dal tipo di procedura (la frequenza aumenta durante il posizionamento di sondino naso-gastrico, l’inserzione di catetere venoso periferico e durante la puntura lombare) e dall’età del bambino (la frequenza aumenta con il diminuire dell’età del bambino). Le motivazioni principali, per il ricorso alla pratica, date dai professionisti sanitari, sono la garanzia di sicurezza e l’età del bambino, mentre i sentimenti suscitati da tale pratica, in coloro che la subiscono e in coloro che ne sono coinvolti, sono per la maggior parte sentimenti negativi e di disagio. Vengono infine riportate e riassunte, alcune guide, sviluppate dagli autori, per orientare la decisione dei professionisti sanitari in relazione a come e quando procedere con la contenzione. Discussione: Vi è una ricerca limitata in relazione all’utilizzo della contenzione per portare a termine le procedure infermieristiche in ambito pediatrico: il ricorso a tale pratica dovrebbe avvenire come ultima risorsa, quando le alternative, ovvero le tecniche farmacologiche e non farmacologiche, non si siano rivelate efficaci, e la decisione di procedere con la contenzione dovrebbe essere intrapresa in modo collaborativo, con tutti i professionisti sanitari che si occupano della cura del bambino, con i genitori e, quando possibile, con il bambino stesso. L’utilizzo della contenzione deve avvenire ad opera di personale competente, secondo modalità sicure ed approvate, e nel rispetto dei diritti del bambino.

Item Type:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Infermieristica
Subjects:Area 06 - Scienze mediche > MED/45 Scienze infermieristiche generali, cliniche e pediatriche
Codice ID:51241
Relatore:Rodriguez, Daniele
Data della tesi:04 November 2015
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record