Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Fre', Federico (2016) La valutazione della tosse come elemento predittivo del rischio di tracheostomizzazione d'urgenza nei pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica. Indicazioni per il fisioterapista. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
478Kb

Abstract

Background e obiettivo dello studio: La SLA è una grave malattia neuromuscolare che indipendentemente dal suo sito di esordio tende a coinvolgere la muscolatura di competenza bulbare, responsabile tra l’altro della competenza glottica e deglutitotria. Per questi motivi, tutti i Pazienti affetti da SLA sviluppano nel tempo disfagia. Quando il Paziente non è più in grado di gestire le secrezioni salivari, si trova inevitabilmente esposto al forte rischio di inalazione e quindi di sviluppare polmonite ab ingestis. Lo scopo di questa Tesi è valutare cosa dice la Letteratura presente sulla relazione tra tosse e tracheostomia e verificare quali metodi ha a disposizione il fisioterapista respiratorio per misurare la tosse volontaria e riflessa al fine di evitare il rischio polmonite ab ingestis e di conseguenza la trachestomizzazione d’urgenza in seguito ad IRA; evento che rappresenta sempre un fallimento dell’Equipe Riabilitativa. Infine la Tesi presenterà uno Studio Pilota Preliminare che i Fisioterapisti Respiratori e le Logopediste della Fondazione IRCCS Ospedale San Camillo di Venezia stanno conducendo su un innovativo metodo di valutazione della forza della tosse riflessa. Materiali e Metodi: È stata effettuata una ricerca in Letteratura sulle banche dati PubMed, MEDLINE, The Cochrane Library e PEDro utilizzando le seguenti termini MeSH: “ALS” (Amyotrophic Lateral Sclerosis), “cough”, “tracheostomy” e “respiratory failure”. Sono state incluse linee guida, revisioni bibliografiche, RCT, studi sperimentali e studi osservazionali che fossero in inglese, gratuiti e che parlassero di complicanze respiratorie legate alla tosse inefficace e alla clearance delle vie aeree, e di tracheostomia in pazienti affetti da SLA. Degli articoli selezionati è stata poi valutata la validità utilizzando PRISMA, CONSORT e STROBE. Sono stati selezionati 45 articoli finali. Risultati: MIP, MEP, FVC e MIC danno una stima incompleta dell’efficacia della tosse volontaria. Il test più preciso è quello che misura il PcEF. La tracheostomia viene presa in considerazione quando è presente un’intolleranza o inefficacia della NIV e un’incapacità di produrre un PCEF assistito >160L/min. Nella maggior parte dei casi si ricorre all’intervento solo in condizioni critiche (tracheotomia d’urgenza). Dalla ricerca è emerso che non è presente un test valido per la valutazione della tosse riflessa. Conclusioni: Ad oggi il PcEF volontario è il valore più attendibile per quantificare la tosse. Dai primi risultati dello studio pilota in corso all’IRCCS Ospedale San Camillo di Venezia è emerso che la forza del PcEF riflesso non può essere considerato un indice valido per predire il rischio tracheostomizazzione pur rimanendo invece determinante valutare la presenza e la sensibilità del riflesso stesso che sembra costituire l’innesco del meccanismo di protezione che è misto riflesso/volontario.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Medicina e Chirurgia > Fisioterapia
Parole chiave:SLA, trachostomia, valutazione tosse
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/48 Scienze infermieristiche e tecniche neuro-psichiatriche e riabilitative
Codice ID:52910
Relatore: Risso, Tiziana
Data della tesi:23 Marzo 2016
Biblioteca:Polo Medico > Biblioteca Medica "V.Pinali" - Sezione Moderna
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record