Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Montagner, Alice (2016) La percezione stereoscopica e la sua valutazione. Comparazione della modalitĂ  di visualizzazione e della quantificazione della stereoacuitĂ  globale tra stereogrammi polarizzati e monitor 3D a barriera di parallasse. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1500Kb

Abstract

La percezione stereoscopica è un fenomeno binoculare che permette di avere una visione solida del mondo circostante e di stimare profondità e distanze. Essendo inoltre, l’espressione più raffinata del sistema visivo binoculare, ne è considerata il “barometro” attraverso cui monitorarne sviluppo e funzionalità. Perciò, la sua valutazione qualitativa e quantitativa a livello clinico è importante, nonostante i test siano degli artefatti e la stereoacuità rilevata sia solo un’indicazione di quella che è invece la reale capacità stereoscopica del soggetto in ambiente naturale. Esistono varie tipologie di test e, con l’avvento delle nuove tecnologie, se ne stanno sviluppando altri sempre più all’avanguardia. Scopo di questo lavoro sperimentale è comparare i risultati, a breve distanza (0,40m), ottenuti con un test Random-dot somministrato su Tablet 3D a barriera di parallasse, della ditta RV2-RealVision Kiwie (Milano, Italia) senza utilizzo di filtri, con quelli ottenuti con il Randot® Stereotest della Stereo Optical Co., Inc. (Chicago, USA), test che si avvale di filtri polarizzati, presente da tempo nella pratica clinica e usato quindi come gold standard, per verificare se le aspettative di compatibilità sono soddisfatte. Si è innanzitutto appurato, che l’ordine di somministrazione dei due test fosse indifferente. Sono stati raccolti i dati di stereoacuità di 110 soggetti, di età variabile tra i 12 e i 79 anni. A ciascuno è stato somministrato un questionario anamnestico riguardante comfort e abilità visive prossimali per individuare eventuali corrispondenze tra ridotta stereopsi e disturbi visivi. Successivamente, tutti i soggetti sono stati sottoposti, con correzione in uso, a valutazioni refrattive (AV), valutazioni binoculari (forie e tropie), accomodative e di bilanciamento, per individuare coloro i quali presentavano anomalie refrattive rispetto ai parametri scelti come valori di norma in tali ambiti. Essendo i disturbi degli ambiti refrattivo e accomodativo fattori che influiscono negativamente sulla capacità stereoscopica, si è reso necessario condurre tale indagine preliminare per selezionare solo gli individui, che non presentando problematiche, forniscono valori di stereoacuità attendibili. Infine, i due test di stereopsi, sono stati somministrati ad una distanza fissa di 0,40m e sotto condizioni di illuminamento standard (80-110 lux). Settantacinque dei 110 soggetti sono stati considerati idonei ai fini dello studio ed è stata operata un’ulteriore suddivisione in due gruppi: non presbiti e presbiti, per evidenziare eventuali differenze sulla base dell’età e dell’invecchiamento del sistema visivo. Dall’analisi statistica, e tenendo conto di piccoli accorgimenti (differenze di struttura e di fondo scala dei test), è emerso che i due test sono tra di loro altamente compatibili, limitatamente ai soggetti considerati. Elaborando anche i dati dei soggetti esclusi si nota che i risultati evidenziano valori di stereoacuità ridotta e sono molto eterogenei. Diventa, quindi, difficile stabilire un denominatore comune. A seconda delle problematiche, la risposta del sistema visivo ad uno stimolo differisce. Lo studio perciò non solo soddisfa le aspettative di compatibilità dei test ma anche evidenzia le potenzialità del test su schermo e dimostra ancora una volta che, qualunque sia il test utilizzato, se l’efficacia del sistema visivo binoculare è in qualche modo compromessa, la performance a livello stereoscopico diminuisce.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Scienze > Ottica e Optometria Ord. 2009
Parole chiave:Stereopsi; Stereoacuità; Randot® Stereotest; Monitor 3D a barriera (RealVision-Kiwie)
Codice ID:53374
Relatore:Rossetti, Anto
Data della tesi:Novembre 2016
Biblioteca:Polo di Scienze > Dip. Fisica e Astronomia "Galileo Galilei" - Biblioteca
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:Sì

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record