Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Seren, Matteo (2011) Studio del Genere Apodemus spp mediante un nuovo approccio di analisi tricologica: applicazioni su campioni museali. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
959Kb

Abstract

L’Ordine Rodentia comprende al suo interno un gran numero di specie, comparse nel Paleocene in Asia centrale. Tra le specie più numerose troviamo topi e ratti, distribuiti più o meno uniformemente su tutto il territorio europeo, e non solo, grazie alla loro ottima capacità di adattamento ad ogni tipo di ambiente naturale, dai più caldi, come il deserto, a quelli freddi delle regioni del nord, agli ambienti umidi delle foreste. In questo studio sono stati presi in considerazione solo 2 specie di topi selvatici, appartenenti al Genere Apodemus, Apodemus agrarius Pallas, 1771, ed Apodemus flavicollis Melchior, 1834, presenti anche sul territorio italiano: la specie A. agrarius è limitata solo alle regioni del nord-est, mentre la specie A. flavicollis è distribuita uniformemente su tutto il territorio, ad eccezione delle isole. Lo studio dell’analisi tricologica vuole mettere in risalto le possibili differenze microscopiche tra queste 2 specie, attraverso le analisi statistiche parametrica e/o non parametrica, basate sulle misurazioni di aree e perimetri delle scaglie di cuticola e cellule di medulla, sia a livello dello shield che dello shaft, su peli di individui maschili e femminili di entrambe le specie. Si è cercato, grazie a questo studio, di verificare se le differenze riscontrabili tra i peli possano essere utili per trovare differenze visibili tra le due specie. Si è posto, come ipotesi H0, che le differenze tra le popolazioni campionarie fossero dovute al caso. I p-value sono stati fissati ai valori p<0.05 (statisticamente significativo), p<0.01 (molto significativo) e p<0.001 (altamente significativo). Per scelta vengono commentati principalmente i risultati con livello di significatività pari a p<0.001. Sono risultate così differenze entro animale tra le due zone di shield e shaft, senza però rilevare differenze significative tra i due sessi; in ogni caso i risultati ottenuti hanno portato a un riscontro positivo ai fini della ricerca, con valori statistici altamente significativi, permettendomi di affermare che le due specie di Apodemus sono riconoscibili anche dall’analisi del pelo, almeno in relazione ai campioni tricologici analizzati ed ai soggetti di origine.

Tipologia del documento:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Scuola di Scienze > Biologia
Parole chiave:Analisi tricologica, Apodemus
Settori scientifico-disciplinari del MIUR:Area 05 - Scienze biologiche > BIO/05 Zoologia
Codice ID:54132
Relatore:Guidolin, Laura
Data della tesi:2011
Biblioteca:Polo di Scienze > CIS "A. Vallisneri" - Biblioteca Biologico Medica
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione e non da noi.

ABRAMOFF, M.D., MAGALHAES, P.J., RAM, S.J. (2004). “Image Processing with ImageJ”. Biophotonics International, volume 11, 7: 36-42. Cerca con Google

CAPIZZI D., SANTINI L. (2007). I roditori italiani. Antonio Delfino Editore. Cerca con Google

LIEM K. F., BEMIS W. E., WALKER W. F., GRANDE L. (2002). Anatomia comparata dei Vertebrati una visione funzionale ed evolutiva. EdiSES Napoli. Cerca con Google

LOCATELLI R., PAOLUCCI P. (1998). Insettivori e piccoli roditori del Trentino. Provincia Autonoma di Trento. Servizio Parchi e Foreste demaniali. Parco Adamello Brenta. Parco naturale Paneveggio Pale di San Martino. Museo Tridentino di Scienze Naturali Collana naturalistica. Cerca con Google

MITCHELL-JONES A. J., AMORI G., BOGDANOWICZ W., KRYŠTUFEK B., REIJNDERS P. J. H., SPITZENBERGER F., STUBBE M., THISSEN J. B. M., VOHRALÍK V. & ZIMA J. (1999). The atlas of European Mammals. Societas Europaea Mammalogica Poyser Natural History. Cerca con Google

STOPPINI E. (2009). Censimento della microteriofauna terricola nell’area del parco Valcorba (Pozzonovo, pd) mediante metodi incruenti: dati preliminari. Tesi di laurea, Fac. Scienze MM.FF.NN., Università di Padova, A.A. 2008/2009. Cerca con Google

TEERINK B.J. (1991). Hair of west european mammals. Atlas and identification key. Cambridge University Press. Cerca con Google

TORMEN N., GUIDOLIN L., RAZZARA E., STOPPINI E., CASSANDRO M. (2009a). L’analisi tricologica nello studio delle specie a rischio. Un nuovo approccio metrico: dati preliminari. Boll. Mus. Ist. Biol. Univ. Genova, 71: 214. Cerca con Google

TORMEN N., TASSONI T., GUIDOLIN L. (2009b) Studio della microteriofauna mediante tecniche non invasive: live-traps e analisi tricologiche. Boll. Mus. Ist. Biol. Univ. Genova, 71: 215. Cerca con Google

TOSCHI A. (1965). Fauna d’Italia VII. Mammalia. Lagomorpha, Rodentia, Carnivora, Artiodactya, Cetacea. Calderini Bologna Edizioni. Cerca con Google

TOSCHI A. & LANZA B. (1959). Fauna d’Italia IV. Mammalia. Generalità, Insectivora, Chiroptera. Calderini Bologna Edizioni. Cerca con Google

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record