Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Giorgi, Lucia (2019) Il rapporto tra la matematica moderna e l'antica teoria delle proporzioni. [Laurea triennale]

Per questo documento il full-text online non disponibile.

Abstract

Svariati commentatori sottolineano l'analogia tra la Definizione V.5 di Euclide e quella di sezione di Dedekind. Tuttavia, la Teoria delle Proporzioni interviene in altri due momenti cruciali dello sviluppo del concetto di numero. Il primo, è la definizione di numero in termini di rapporto tra grandezze, affermatasi nel 1600 e rimasta in auge fino al 1800. Essa estende al numero la continuità che, per i Greci, era esclusiva delle grandezze. Il secondo, è l'astrazione del concetto di limite dal Metodo di Esaustione, fondato sulla Definizione V.4 di Euclide (Postulato di Archimede). Esso orienta la speculazione sulla natura del continuo numerico verso l'Archimedeità. Parallelamente alla Matematica Archimedea si sviluppa, tuttavia, a partire dalla Geometria non-Archimedea di Veronese, una Matematica non-Archimedea che culmina nell'Analisi non-Standard: un approccio all'Analisi che permette di recuperare il modus operandi basato sugli infinitesimi, emendandolo dalle incongruenze più vistose.

Item Type:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:pre 2012- Facoltà di Scienze MM. FF. NN. > Matematica
Codice ID:63032
Relatore:Bonotto, Cinzia
Data della tesi:27 September 2019
Biblioteca:Polo di Scienze > Biblioteca di Matematica

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record