Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Borra, Nunzio (2019) Rischio morale e sorveglianza sul lavoro: analisi con la teoria dei giochi. [Laurea triennale]

Per questo documento il full-text online non disponibile.

Abstract

Lo scopo di questo elaborato è analizzare un modello standard, proveniente dalla teoria dei salari di efficienza, discuterne la robustezza e proporne alcune estensioni. Nei primi due capitoli della tesi vengono presentati l'impianto teorico di riferimento - Teoria dei Giochi e Teoria dei Contratti - e gli strumenti necessari per formalizzare il modello. Nel terzo capitolo viene presentato il modello: il problema Agente-Principale, o modello d'Agenzia, riguarda la relazione regolata da un contratto in base al quale una persona - detta Principale - obbliga un'altra persona - detta Agente - a ricoprire per suo conto una data mansione. È presente del rischio morale quando l'agente, dopo aver accettato un contratto dal Principale, intraprende un'azione non osservabile dallo stesso: questa asimmetria informativa induce dei comportamenti opportunistici da parte dell'agente - che si suppone non siano eliminabili. Entrambi i giocatori vogliono massimizzare la loro utilità: l'agente cerca di ricevere uno stipendio più alto possibile e/o di fare meno fatica possibile, il principale cerca di ottenere un profitto maggiore possibile e/o di pagare l'agente il meno possibile. Si consideri quindi un datore di lavoro che voglia far lavorare un suo dipendente in maniera efficiente: il datore di lavoro può pagare al dipendente un salario positivo per incentivare lo sforzo di quest'ultimo. Alternativamente, il datore di lavoro può sostenere dei costi per installare una tecnologia di sorveglianza sul lavoro che renda osservabile lo sforzo del dipendente. Viene discusso che una legge di protezione della privacy sul posto di lavoro possa incrementare il surplus totale. Nel quarto capitolo vengono esaminate e proposte alcune estensioni del modello: si suppone che il potere contrattuale non sia tutto nelle mani del principale, che la sorveglianza non sia perfetta, poi che sia presente un sussidio di disoccupazione e infine che al dipendente dia fastidio essere sorvegliato.

Item Type:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:pre 2012- Facoltà di Scienze MM. FF. NN. > Matematica
Codice ID:63109
Relatore:Viscolani, Bruno
Data della tesi:18 October 2019
Biblioteca:Polo di Scienze > Biblioteca di Matematica

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record