Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

logo del sistema bibliotecario dell'ateneo di padova

Dal Maso, Matteo (2003) Effetto dell'aggiunta di aromi sull'ingestione di mangime complementare in vacche da latte. [Laurea triennale]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF
803Kb

Abstract

Nella vacca da latte, un’elevata e rapida assunzione di concentrati, rappresenta uno dei requisiti fondamentali per ottenere elevati livelli produttivi. Una delle strategie per evitare la riduzione dell’assunzione di mangime, soprattutto in corrispondenza di variazioni nella formulazione, è quella di cercare di mantenerne inalterate le caratteristiche sensoriali usando delle sostanze aromatizzanti. Lo scopo della sperimentazione di questa tesi è stato quello di sviluppare una metodologia rapida, per stimare il grado di preferenza verso diversi aromi nelle vacche da latte e confrontare il possibile effetto sul comportamento alimentare dell’aggiunta di 6 diversi aromi, ad un mangime scarsamente appetibile. La prova ha avuto una durata complessiva di sei settimane. Nell’arco di questo periodo l’esperimento è stato ripetuto. Per 10 giorni (periodo di adattamento), le bovine sono state alimentate con un concentrato normalmente appetibile (mangime di controllo A). Lo stesso mangime è stato somministrato alle vacche nei giorni in cui non era previsto il test comparativo fra mangime poco appetibile (mangime B), e quelli addizionati con l’aroma (mangimi Bx). Il mangime B è stato formulato aggiungendo al concentrato A, urea e saponi di calcio in quantità pari allo 0,5% rispettivamente. Nella prova sperimentale sono state utilizzate 32 vacche in lattazione di razza Frisona. Durante le giornate di prova, alle bovine veniva somministrato contemporaneamente il mangime B e Bx. In totale sono stati testati sei diversi aromi (B1, B2, B3, B4, B5, B6). L’alimento veniva offerto in due contenitori identici in quantità pari a 1500 grammi ed il test di preferenza aveva la durata di 5 minuti per ogni vacca. Alla fine del periodo di test è stata pesata la quantità di alimento residuo. Tutti i dati sono stati registrati e successivamente elaborati statisticamente con il programma SAS/STAT. Dall’analisi dei risultati è emerso che, l’aggiunta di aromi nei concentrati destinati all’alimentazione delle vacche da latte permette in generale un aumento della velocità d’ingestione (+11%). Fra i sei aromi testati, gli aromi 5 e 6 sono risultati preferiti agli animali. Inoltre si è potuto osservare che le vacche pluripare assumono l’alimento con una velocità d’ingestione maggiore rispetto alle primipare (+ 52%). A high and rapid intake of concentrate in dairy cow, is one of the prerequisites to obtain a high production level. One strategy to avoid decreases in feed intake, when raw material composition of the concentrate changes, is to mantain the sensorial characteristics using flavouring substances in feed. The aim of the experiment of this study was to develop a quick method to determine the flavour preferences in dairy cow, and to compare the “mask” effects of six different flavours added to a low palatable concentrate on the feeding behaviour of dairy cow. The experiment took six weeks totally. During this period the experiment was repeated two times, in order to calculate the effects of the replicates. Ten days before the beginning of the experiment, the tested cows were fed a standard adaptation concentrate (positive control A). The same concentrate was used during the whole period of the experiment, between the test days (the preference test was did every two days). Thirty two lactating Fresian cow were used in the experimental trial. During the experimental days, cows were fed with one low palatable concentrate B (negative control B) and the same concentrate with the addition of the testing flavour (Bx); in total six different flavour (B1, B2, B3, B4, B5, B6) were tested. Negative control, was obtained by the inclusion in the concentrate of urea and calcium soaps, at level 0,5% respectively. The feed was offered in two identical buckets and the quick preference test lasted five minutes for each cow. At the end of the testing period all residues were weighted and the amount of intake was calculated. All data was recorded and statistically examined with SAS/STAT program. The flavours added to dairy cows feed, allow, generally, an increase of the rate of intake (+11%). Flavours 5 and 6 appear more efficient than the others. Moreover, it observed that pluriparous cows had an higher rate of intake than primiparous (+52%).

Item Type:Laurea triennale
Corsi di Laurea Triennale:Facoltà di Agraria > Scienze e tecnologie animali
Subjects:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/18 Nutrizione e alimentazione animale
Codice ID:654
Relatore:Bailoni, Lucia
Data della tesi:2003
Biblioteca:Polo di Agripolis - Legnaro > C.I.S. di Agripolis - Biblioteca "Pietro Arduino"
Collocazione:ZOO 47
Tipo di fruizione per il documento:on-line per i full-text
Tesi sperimentale (Si) o compilativa (No)?:No

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record